NEWS

Il #MeTe rischia di chiudere per mancanza di fondi. Appello alle Istituzioni e ai cittadini


A 10 anni dalla fondazione dell' ALT Associazione Leisure and Tourisme ci ritroviamo con tanti progetti e iniziative realizzate e ancora da realizzare. Da 5 anni abbiamo regalato alla comunità locale il Museo MeTe, un presidio culturale dove storia, tradizioni e arte si incontrano insieme alle idee e al lavoro di tante persone che gratuitamente collaborano e lo sostengono. Inutile ribadire il concetto, ormai noto, che l'Associazione non solo ha realizzato il Museo grazie ai propri fondi e alle donazioni dei cittadini, ma lo mantiene annualmente. Così tra migliorie e cura delle collezioni, manutenzione, assicurazione, mostre, costi di gestione dello stabile... ed altre iniziative culturali ed artistiche come gli interventi di rigenerazione urbana, l'associazione si vede costretta a fare enormi sacrifici, chiedendo ai propri associati di stringere i denti in nome di una buona causa. Si perché il #MeTe non é il classico piccolo museo di paese, ma rappresenta la voglia di riscatto sociale e culturale di una Comunità che sta morendo, dove i giovani - e con essi le loro idee e la loro freschezza - scappano e gli anziani si dimenano tra mille difficoltà socio-economiche.

Pertanto chiediamo a chi crede in ciò che il Museo rappresenta di sostenerlo con una donazione in denaro, oppure richiedendo la tessera associativa al costo di 15,00 euro. 

Fino ad oggi, a 5 anni dall'apertura, nonostante il costante dialogo con le Amministrazioni Pubbliche, sempre disponibili,  non è mai arrivato nessun tipo di finanziamento o sostegno destinato alle attività proprie del Museo. Per tali motivi facciamo appello alle Istituzioni affinchè venga garantità piena dignità e sostegno finanziario al #MeTe, consapevoli del fatto che la cultura non dovrà mai essere oggetto di elemosina pubblica o privata, ma soggetto in grado di garantire il progresso di ciascun cittadino. D'altra parte l'attività museale e quella dei siti di interesse storico ed artistico rapresenta un " Servizio Pubblico Essenziale " tutelato dalla legge, alla stregua della Sanità e dell'Istruzione; e per garantire tale servizio fino ad ora è stata l'Associazione a finaziare tutto.  Abbiamo infatti sopperito a questa grave carenza, realizzando e finanziando - con propri fondi - la raccolta e la conservazione di reperti etnoantropologici, il catalogo, l'allestimento, la fruizione al pubblico, l'organizzazione di mostre ed altre iniziative artistiche.  Va da sè ricordare infine che il Museo #MeTe si trova all'interno di una struttura di proprietà comunale - progettata e realizzata con fondi pubblici proprio per tale scopo: ci si ritrova quindi in una situazione surreale in cui l'Associazione garantisce un servizio pubblico essenziale, non solo non ricevendo fondi, ma addirittura dovendo anche sostenere economicamente tutti costi di gestione. 

A seguito della riunione del Consiglio Direttivo, tenutasi in data 1/4/ 2019,  dopo un'attenta analisi finaziaria, ci siamo resi conto che l'Associazione dovrà reperire circa 3000,00 euro  per prolungare le attività museali per altri 6 mesi, salvo poi ritrovarsi nella medesima situazione già a fine ottobre 2019. 
Poichè non è più intenzione dei propri associati finaziare in eterno il Sevizio Museale, in caso di mancanza di fondi, sarà cura del Consiglio Direttivo  Deliberare  la definitiva chiusura del Museo.  

Facciamo quindi un accorato appello ai cittadini residenti, agli emigrati, ai giovani, ai volontari del Museo, agli anziani, alle aziende del territorio, alle associazioni di volontariato e alle Istituzioni affinchè il #MeTe possa divenire, in maniera stabile, il luogo di tutti dove rinsaldare legami di Comunità costruendo processi di aggregazione sociale e di costruzione identitaria. Nei prossimi giorni verrà attivata una "Campagna di Sensibilizzazione" volta ad informare i cittadini sulle attività passate e future del Museo, con lo scopo di trovare insieme nuove soluzioni e nuove linee programmatiche. E' intenzione dell'Associazione trovare quindi soluzioni condivise e partecipate col fine di evitare la chiusura del Museo.


 Il Consiglio Direttivo dell'ALT
Associazione leisure and Tourisme
STEFANO SIRACUSA
ANTONINO DINOLFO
CARMELO DORIA
GERLANDO SINAGUGLIA
SALVATORE PISCOPO


COME SOSTENERE IL #METE

Donazione con bonifico bancario
Intestato a: "ALT Associazione Leisure and Tourisme", 
Banca Intesa San Paolo, filiale di Realmonte, via piazza Vecchia n 27, 92010 Realmonte ( Ag )

Per donazioni dall 'Italia:
IBAN: IT28 -T030- 6983- 0801- 2000- 0002- 349
Causale: Sostengo il Museo della Memoria e del Territorio

Per donazioni dall'estero:
IBAN: IT28 -T030- 6983- 0801- 2000- 0002- 349
BIC CODE: B C I T I T M M ( solo per bonifici effettuati dall'estero )
Causale: Sostengo il Museo della Memoria e del Territorio

Donazioni con assegni bancari e ontanti
E' possibile sostenere il Museo anche mediante donazioni in denaro, purche inferiori a 1000,00 euro oppure con assegni bancari. Per info contattare il Museo.

Richiedere la Tessera Associativa per l'anno 2019 al costo di 15,00 euro
- Modulo richiesta soci on line >>

 Donazione On line con carta o pay pal 

Share this:

Posta un commento

Comunicazione del Presidente dell'Associazione ALT Stefano Siracusa

IL #MeTe IN LOCKDOWN PROLUNGATO

Il 25 Maggio dovrebbe essere il giorno della riapertura dei musei in Sicilia. A dire il vero non tutti i Musei riapriranno, o chi lo farà potrà erogare dei servizi minimi o ridotti. Da report che ho consultato personalmente, si stima che entro la fine di giugno solo il 30% dei Musei ( sommando quelli Statali, regionali, civici e privati ) riaprirà i battenti. La chiusura dovuta all'epidemia da Coronavirus, così come per tanti altri luoghi di cultura, ha causato non pochi problemi di natura gestionale ed economica. Per il #MeTe il lockdown ha significato la rottura di quel fragile equilibro gestionale ritrovandoci, nonstante le oggettive difficoltà economiche palesate ripetutamente nel corso degli anni dall'associazione ALT, in una situazione di completa impossibilità di riapertura. Infatti una serie di fattori come la riduzione delle visite, la cancellazione di eventi, mostre, iniziative didattiche e tour destinati ai gruppi di scolaresche o ai gruppi organizzati dalle agenzie viaggi, dai tour operator e dalle associazioni, hanno inevitabilmente pregiudicato la possibilità di riaprire al pubblico, almeno in tempi brevi, il tutto a causa di costi di gestione e di riapertura che non sono più sostenibili alla luce dei minori incassi previsti. Gia alla fine del 2019, tra i soci dell'associazione avevamo anticipato di tasca nostra circa 900 € per mandare avanti la baracca.

Adesso basta! Non è più pensabile che per garantire un servizio museale, in una sede pubblica, non solo non si viene pagati per il lavoro svolto, ma si debba pure rimetterci di tasca propria.

Mi accodo all'appello già portato avanti da altri direttori museali siciliani, i quali hanno palesato la necessità di risorse pubbliche per garantire servizi museali "family friendly" nel rispetto delle misure di sicurezza previste dalle disposizioni a contrasto del Coronavirus.

Abbiamo gia inoltrato diverse richieste all'Amministrazione Comunale di Siculiana, proponedo la stipula di una Convenzione annuale al fine di sostenere economicamente le attività culturali proposte dal Museo #MeTe mirando alla creazione di azioni sinergiche volte a favorire sia la ripartenza turistica locale - attraverso collaborazioni con le aziende del comparto turistico -, sia attraverso operazioni di “Art therapy” rilanciando l’arte e la cultura come mezzo per raggiungere il benessere psicofisico, soprattutto dopo un periodo di isolamento forzato come il lockdown.

Martedì 26 maggio l'amministrazione Comunale di Siculiana ha fissato un incontro con l'Associazione per discutere sull'eventuale esito della Convenzione. Resto comunque fiducioso e confido nel buon senso dell'Amministrazione Comunale nel sostenere concretamente il #MeTe; d'altra parte dalle parole del Sindaco Lauricella Leonardo e dell'assessore Toto Guarragi ho potuto prendere atto della loro disponibilità a risolvere la problematica.

Nel frattempo, senza soldi il MeTe - Museo della Memoria e del Territorio, insieme all'archivio-biblioteca, continuerà a restare chiuso e con esso tutti gli eventi e i servizi culturali rivolti ai turisti, ai residenti, alle scuole, ai ricercatori e agli studiosi saranno preclusi.


Stefano Siracusa


.

l
Post più letti del mese
..
 
Copyright © 2018 Museo della Memoria e del Territorio. Web Master Stefano Siracusa - Designed by OddThemes