NEWS

Lu Cuddiruni di Siculiana

Lu Cuddiruni è una tipica pietanza di Siculiana che racchiude in sè i sapori della storia e la sapienza delle massaie tradizionali. Si tratta di una focaccia particolare farcita con ingredienti poveri e chiusa da due lati da un impasto particolare.  Il termine Cuddiruni deriva dal greco e in origine indicava appunto una sorta di "focaccia". La ricetta classica prevede un impasto tipico fatto di farina, acqua, lievito, sale e olio. Successivamente le massaie caddiavanu l'impasto, ovvero lavoravano con le mani la pasta, aggiungendo dell'olio extravergine d'oliva in modo da rendere l'impasto abbastanza molliccio. Alcune varianti della caddiatura prevedevano l'utilizzo di un po di succo di limone e un cucchiaino di bicarbonato, oltre all'olio d'oliva. La pasta doveva lievitare  per circa un'ora; tuttavia dopo mezz'ora veniva interrotta la lievitazione per essere caddiata cioè lavorata con le maniDopo la caddiatura si lasciava lievitare l'impasto - molliccio - per un'altra mezz'ora. Tradizionalemente la pasta veniva fatta riposare al caldo: spesso si utilizzava una coperta pesante. Prima della lievitazione, dopo l'impasto, con il coltello si incideva una croce e si recitava la seguente formula propiziatoria: " Signuri, Signuri finu ad ora haju fattu iu, ora facìti Vu" (traduz. Signore, Signore fino ad ora ho fatto io, ora fate Voi), altre massaie recitavano il Padre Nostro in sostituzione di tale formula. La pasta sarà pronta quando aumenterà quasi del doppio e battendovi sopra delicatamente darà un rumore di vuoto.  Il ripieno classico è composto da patate tagliate a rondelle, cipolle e un pò di pomodoro pelato. Il tutto viene condito con olio, pepe, origano e basilico. Esistono altre varianti del ripieno: quella composta da patate, cipolla, pomodoro e acciughe; oppure quella composta da patate e ricotta, o ancra da broccoli e patate o broccoli e salsiccia. Oggi presso le rosticcerie locali è possibile trovare anche la variante composta da ricotta e spinaci o addirittura con la mortadella. Lu Cuddiruni siculianisi lo ritroviamo non solo a Siculiana ma anche anche in altre località dell'agrigentino, ma è difficile trovarlo in altre zone dell'isola. Una caratteristica fondamentale della sua preparazione, oltre la caddiatura, è l'immissione del ripieno a crudo. Quindi le patate, la cipolla e il pomodoro vanno inseriti a crudo  e poi direttamente a infornati. Pronta la pasta la si spiana in una teglia, precedentemente unta con dell'olio d'oliva, successivamente si adagia il ripieno  a crudo e infine lo si copre interamente con un altro strato di pasta. A questo punto il Cuddiruni può essere infornato. C'è chi aggiunge sopra un pò di formaggio o di pan grattato, per renderlo ancor più croccante esternamente. Il Cuddiruni una volta preparato dalle sapienti mani delle massaie, veniva cotto nel forno rigorosamente a legna; tuttavia in antichità veniva adagiato su qualche foglia - sovente di fico - e cotto direttamente sulla brace. E' indicativo in tal senso un vecchio detto popolare siculianese che recità più o meno così: " Ognunu tira i brascia pi u so cuddiruni " ( ognuno pensa per sè, oppure ognuno porta acqua al proprio mulino. Letteralmente ognuno prepara la brace per la propria focaccia ).
Oggi per comodità viene preparato direttamente su una teglia e infornato. In ogni modo  il risultato sarà un'autentica goduria per il palato: una pietanza dagli ingredienti semplici ma dal profumo incredibilmente unico. Chiunque si trovi a Siculiana non può non assaggiare questa antica ma sempre attuale prelibatezza.

Ingredienti per due teglie circa.
Per la preparazione dell'impasto occorre:
- 750 g di farina rimacinato + 250 g di farina 00
- lievito di birra quanto basta
- acqua tiepida
- sale
-olio extravergine d'oliva

Per la farcitura gli ingredienti possono essere molteplici a seconda dei gusti, ma di solito consistono in:
- 2 o 3 cipolle
- pomodoro pelato quanto basta
- patate tagliate a rondelle
- sale, origano, pepe e basilico
Per le varianti è possibile aggiungere le acciughe, oppure la ricotta o i broccoli.

#MeTe - Museo della Memoria e del Territorio
Ricerca e testo a cura di
Stefano Siracusa

Share this:

Posta un commento

Comunicazione del Presidente dell'Associazione ALT Stefano Siracusa

IL #MeTe IN LOCKDOWN PROLUNGATO

Il 25 Maggio dovrebbe essere il giorno della riapertura dei musei in Sicilia. A dire il vero non tutti i Musei riapriranno, o chi lo farà potrà erogare dei servizi minimi o ridotti. Da report che ho consultato personalmente, si stima che entro la fine di giugno solo il 30% dei Musei ( sommando quelli Statali, regionali, civici e privati ) riaprirà i battenti. La chiusura dovuta all'epidemia da Coronavirus, così come per tanti altri luoghi di cultura, ha causato non pochi problemi di natura gestionale ed economica. Per il #MeTe il lockdown ha significato la rottura di quel fragile equilibro gestionale ritrovandoci, nonstante le oggettive difficoltà economiche palesate ripetutamente nel corso degli anni dall'associazione ALT, in una situazione di completa impossibilità di riapertura. Infatti una serie di fattori come la riduzione delle visite, la cancellazione di eventi, mostre, iniziative didattiche e tour destinati ai gruppi di scolaresche o ai gruppi organizzati dalle agenzie viaggi, dai tour operator e dalle associazioni, hanno inevitabilmente pregiudicato la possibilità di riaprire al pubblico, almeno in tempi brevi, il tutto a causa di costi di gestione e di riapertura che non sono più sostenibili alla luce dei minori incassi previsti. Gia alla fine del 2019, tra i soci dell'associazione avevamo anticipato di tasca nostra circa 900 € per mandare avanti la baracca.

Adesso basta! Non è più pensabile che per garantire un servizio museale, in una sede pubblica, non solo non si viene pagati per il lavoro svolto, ma si debba pure rimetterci di tasca propria.

Mi accodo all'appello già portato avanti da altri direttori museali siciliani, i quali hanno palesato la necessità di risorse pubbliche per garantire servizi museali "family friendly" nel rispetto delle misure di sicurezza previste dalle disposizioni a contrasto del Coronavirus.

Abbiamo gia inoltrato diverse richieste all'Amministrazione Comunale di Siculiana, proponedo la stipula di una Convenzione annuale al fine di sostenere economicamente le attività culturali proposte dal Museo #MeTe mirando alla creazione di azioni sinergiche volte a favorire sia la ripartenza turistica locale - attraverso collaborazioni con le aziende del comparto turistico -, sia attraverso operazioni di “Art therapy” rilanciando l’arte e la cultura come mezzo per raggiungere il benessere psicofisico, soprattutto dopo un periodo di isolamento forzato come il lockdown.

Martedì 26 maggio l'amministrazione Comunale di Siculiana ha fissato un incontro con l'Associazione per discutere sull'eventuale esito della Convenzione. Resto comunque fiducioso e confido nel buon senso dell'Amministrazione Comunale nel sostenere concretamente il #MeTe; d'altra parte dalle parole del Sindaco Lauricella Leonardo e dell'assessore Toto Guarragi ho potuto prendere atto della loro disponibilità a risolvere la problematica.

Nel frattempo, senza soldi il MeTe - Museo della Memoria e del Territorio, insieme all'archivio-biblioteca, continuerà a restare chiuso e con esso tutti gli eventi e i servizi culturali rivolti ai turisti, ai residenti, alle scuole, ai ricercatori e agli studiosi saranno preclusi.


Stefano Siracusa


.

l
Post più letti del mese
..
 
Copyright © 2018 Museo della Memoria e del Territorio. Web Master Stefano Siracusa - Designed by OddThemes